Alla fine paga sempre pantalone. Il nostro no ad Equitalia!

È successo. Incredibile ma vero, alla fine il Comune di  Viterbo affida il servizio riscossione tributi ad Equitalia.  Ormai non ci sorprende piú la giunta Michelini: nonostante siano passati pochi mesi dalla sua elezione,  una ne fa e cento ne pensa. La decisione di affidare ad Equitalia il servizio di riscossione coattiva dei tributi comunali si è consumata ufficialmente giovedì scorso, durante il Consiglio Comunale. E dico ufficialmente perché, si sa, in questo caso i consiglieri di maggioranza sono stati chiamati soltanto a ratificare una decisione già presa dalla ViceSindaca Ciambella e dal Sindaco Michelini.

La ViceSindaca Monna Lisetta si è presentata in Consiglio di nero vestita, con l’espressione solenne delle grandi occasioni. Anche il tono patetico (in senso di “pieno di pathos” eh!) era quello delle grandi occasioni, nella speranza di far digerire una pillola amara ai Viterbesi incapsulandola di retorica.

Il primo goffo tentativo di evitare una dura reprimenda è stato furbescamente architettato da Monna Lisetta il giorno prima del Consiglio incriminato, convocando i CapiGruppo per spiegare che, ahinoi, “si trattava dell’unica scelta possibile”. Viterbo2020 non ha partecipato alla farsa, perché non volevo condividere una sola virgola di questa assurda e folle decisione.

Così arriviamo al giorno del Consiglio, dove Monna Lisetta arringa la folla di ubbidienti consiglieri e di futuri disoccupati di Esattorie con una relazione di stampo bugiardesco. Eh si, perchè Monna Lisetta, memore della vecchia scuola, qualche “Bucia” ce l’ha raccontata. Come asserire che “non si poteva fare altrimenti”. Come asserire di “aver scoperto il crack Esattorie solo a Giugno”. Come asserire che “Equitalia rimarrà solo fino al 31/12/2013”. Si puó sempre fare altrimenti, c’è sempre un’alternativa. Il crack era ben noto da febbraio a chi frequentava il consiglio all’epoca, come Monna Lisetta all’èra in cui era consigliere di opposizione. Ma forse era una consigliera distratta. Intanto facciamo passare un bel Natale Equitalizzato  ai viterbesi, poi si vedrà.

E poi il momento del voto. Questa volta la maggioranza senza sbavature e distinzioni ha votato compatta, civici sognatori di fiaccole e palloncini colorati compresi. Certo  per gli elettori dei civici sognatori deve essere stato un brutto risveglio, hanno votato per Equitalia.
Frittata fatta, quindi: da una parte i lavoratori di Esattorie sempre più precari, dall’altra la concessione ad Equitalia. Palo-palo-gol!

A giustificare la squallida operazione anche il dott. Serra, di renziana memoria (giusto la memoria è rimasta renziana, visto che Renzi a Firenze ad Equitalia ha dato il ben servito da un po’) che difende l’operato di Monna Lisetta con tutte le sue forze.

Ora il futuro di questa brutta storia dipende anche un po’ da noi. Viterbo2020 ha lanciato una raccolta firme che durerà fino a Dicembre: tutti i sabati in piazza e online con una petizione chiamiamo i viterbesi a dimostrare la loro contrarietà a questa ignominia e a spronare la maggioranza a trovare una soluzione alternativa. Ieri abbiamo fatto il primo gazebo: è stato un successo. Vi aspettiamo sabato prossimo!

Anche perchè non dobbiamo dimenticare mai che siamo arrivati a questo punto grazie alla cattiva politica. Non dobbiamo dimenticare mai che tutto il carrozzone che ha portato a questo epilogo irresponsabile parte con la Custer, passa dal CEV e arriva ad Esattorie, la quale fallisce e, con un epilogo degno della peggiore commedia, finisce con Equitalia.
“Ma chissene frega!” – dicevano una volta – “tanto paga Pantalone!”  Ma ora, le tasche di Pantalone sono vuote. È qualcos’altro ad essersi riempito…;)

Buona domenica!

Lascia un commento

Archivi

Viterbo2020

Viterbo 2020 nasce come piattaforma programmatica partecipata con due priorità principali. Primo: affrontare nell’immediato, con rapidità e decisione, le piccole e grandi emergenze che affliggono continuamente la nostra Città. Secondo: programmare lo sviluppo. Viterbo2020 è la nostra proiezione verso il futuro. La sfida di un domani che non è poi così lontano. Immaginare la nostra Città attraverso la lente di un progetto lungimirante, strategico, concreto, prospettico. La voglia di tornare a sognare.
Utilizzando il sito, accetti l´utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni | Accetto