La città “pulita è bella”

Concretezza e sensibilizzazione. Viterbo “pulita è bella”. È la nuova campagna autunnale del movimento civico Viterbo 2020 della consigliera comunale Chiara Frontini in collaborazione con Arcipelago Scec di Antonio Di Stefano.

“La campagna – spiega Chiara Frontini nel corso della conferenza di presentazione svoltasi nelle vie del quartiere san Faustino – nasce come prosecuzione della campagna estiva Viterbo 2020 in tour quando abbiamo girato per la città ascoltando i bisogni dei cittadini per poi poterli tradurre in azioni concrete. ‘Pulita è bella’ è una delle azioni concrete che stiamo realizzando”.

Analisi del fabbisogno, programmazione e azione territoriale. L’iniziativa ha preso vita ieri con la pulizia delle strade attorno a san Faustino e “proseguirà – ha detto Frontini – a oltranza, ogni ultima domenica del mese”.

Primo risultato, una ventina di sacchi riempiti con i rifiuti, rigorosamente differenziati, raccolti per strada da oltre 30 persone che ieri hanno seguito la consigliera comunale raccogliendo più di due quintali di immondizia buttata per terra assieme alle erbacce che di tanto in tanto affiorano nei quartieri.

“La prima cosa che i cittadini di Viterbo hanno portato alla nostra attenzione – ha sottolineato Chiara Frontini – è stata proprio il degrado urbano e il malfunzionamento del sistema di raccolta differenziata, così come l’assenza di servizi di base. Ad esempio i cestini differenziati dove poter buttare cartacce e altri rifiuti”.

Due le anime che caratterizzano la campagna. “La prima – ha evidenziato Frontini – è l’anima concreta. Mettersi in prima persona a sistemare dei luoghi che vivono una particolare situazione di degrado. La seconda riguarda invece la sensibilizzazione dei cittadini. Perché una volta pulita, la città deve restare tale. Ecco perché regaleremo dei secchi della differenziata ai commercianti che sostenere la nostra campagna”. Carta, vetro, metalli e plastica che potranno essere esposti fuori dall’attività commerciale invitando le persone ad avvalersene.

Non solo, ma “ai commercianti che aderiranno all’iniziativa – ha aggiunto Antonio Di Stefano – verranno consegnati 150 scec da dare alle persone che utilizzeranno i secchi della differenziata posti fuori dai negozi anziché buttare carta e altro per le strade di Viterbo”.

Lo scec rappresenta uno sconto che però passa di mano in mano e può essere riutilizzato all’infinito. E’ distribuito gratuitamente per cui è un’integrazione del reddito per chi lo usa e chi lo accetta lo riutilizza a sua volta in altre attività del circuito facendo circolare e mantenendo nel territorio la ricchezza.

In provincia di Viterbo sono circa un centinaio le attività commerciali che hanno aderito ad Arcipelago Scec, 75 nella città dei Papi e il resto tra Vetralla e Nepi. In Italia sono in tutto 4300 di cui 750 nel Lazio.

“Lo scec – ha detto Di Stefano – è uno strumento che serve anche ad aiutare a capire che queste iniziative, come ‘pulita è bella’, possono essere monetizzate, restituendo ai cittadini il valore di quello che hanno fatto. Sia come atto di responsabilità verso il luogo in cui si vive, sia come mezzo per fare rete tra cittadini e piccole e medie imprese”.

(tratto da Tusciaweb)

Per prenotare i cestini inviate una mail a : viterbo2020@gmail.com

Lascia un commento

Viterbo2020

Viterbo 2020 nasce come piattaforma programmatica partecipata con due priorità principali. Primo: affrontare nell’immediato, con rapidità e decisione, le piccole e grandi emergenze che affliggono continuamente la nostra Città. Secondo: programmare lo sviluppo. Viterbo2020 è la nostra proiezione verso il futuro. La sfida di un domani che non è poi così lontano. Immaginare la nostra Città attraverso la lente di un progetto lungimirante, strategico, concreto, prospettico. La voglia di tornare a sognare.
Utilizzando il sito, accetti l´utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni | Accetto